REGOLARIZZAZIONI 2012

In data 6 luglio 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Ministro per gli affari europei e del Ministro del lavoro, il decreto legislativo che recepisce la normativa comunitaria in materia di sanzioni e provvedimenti nei confronti dei datori di lavoro che impiegano cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è  irregolare. Il decreto, recependo la direttiva europea 2009/52/CE e inasprendo le sanzioni penali e amministrative per chi assume stranieri irregolari, dà anche la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno agli extracomunitari che denunciano uno sfruttamento grave.

La nuova sanatoria per gli stranieri clandestini partirà dal 15 settembre 2012 e consentirà a quei cittadini extracomunitari che lavorano irregolarmente nel territorio italiano da almeno tre mesi (dalla data di entrata in vigore del decreto)  di farsi regolarizzare dal proprio datore di lavoro ed ottenere così un permesso di soggiorno. I datori di lavoro, infatti, avranno un mese a disposizione, dal 15 settembre al 15 ottobre per completare l’iter di regolarizzazione (pagamento mode. F24, presentazione istanza, ecc) .

 

REQUISITI DEL DATORE DI LAVORO:

Il datore di lavoro potrà essere: italiano, comunitario o extracomunitario (titolare di permesso di soggiorno)

Sono esclusi i datori di lavoro che:

  • negli ultimi cinque anni, anche con sentenza non definitiva, compresa quella adottata a seguito di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, siano stati condannati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per tratta o sfruttamento di prostituzione e minori, per caporalato o per aver dato lavoro a immigrati irregolari;

  • in passato abbiano presentato una domanda per i flussi o per altre regolarizzazioni e poi non abbiano provveduto alla sottoscrizione del contratto di soggiorno presso lo sportello unico per l’immigrazione o all’assunzione del lavoratore, salvo cause di forza maggiore o , comunque, non imputabili al datore di lavoro.

 

REQUISITI DEL LAVORATORE:

Il lavoratore extracomunitario per essere regolarizzato, deve essere presente sul territorio italiano almeno dal 31 dicembre 2011, presenza che verrà dimostrata tramite documentazione rilasciata da organismi pubblici.

Sono esclusi dalla procedura i lavoratori stranieri irregolari che:

  • abbiano avuto un provvedimento di espulsione;

  • risultino segnalati, anche in base ad accordi o convenzioni internazionali in vigore per l’Italia, ai fini della non ammissione nel territorio dello Stato;

  • risultino condannati, anche con sentenza non definitiva, compresa quella pronunciata anche a seguito di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale , per uno dei reati previsti dall’art. 380 cpp;

  • siano considerati una minaccia per l’ordine pubblico o la sicurezza dello Stato o di uno dei Paesi con i quali l’Italia abbia sottoscritto accordi per la soppressione dei controlli alle frontiere interne e la libera circolazione.

 

PROCEDURA DI EMERSIONE:

Per regolarizzare il lavoratore, il datore di lavoro, deve versare un contributo forfettario di 1.000 Euro per ciascun lavoratore, non deducibile ai fini dell’imposta sul reddito.

Il datore di lavoro, al momento della stipula del contratto di soggiorno dovrà, inoltre, dimostrare di aver regolarmente assolto tutti gli obblighi retributivi, fiscali e contributivi.

POGLIANI CONSULTING OFFRE CONSULENZA E ASSISTENZA PER LE PRATICHE DI REGOLARIZZAZIONE

Se volete contattarci, vi invitiamo a chiamre direttamente il numero 0236579618.

Potremo fare una valutazione preliminare di fattibilità ed esporre i costi del servizio.

.

.

ATTENZIONE: lo studio di consulenza Pogliani Consulting garantisce il buon esito delle pratiche condotte secondo la procedura preordinata e regolare. Non sono in alcun modo possibili deroghe alle procedure di legge, nè violazioni della stessa. Il servizio è erogato da un professionista abilitato e competente (Consulente del Lavoro iscritto all’albo) che non ha e non vanta accesso a corsie preferenziali, nè conoscenze dirette o rapporti “privilegiati” con funzionari delle Autorità preposte alla trattazione della pratica (Sportello Immigrazione, Ministero, Questure, ecc).

Nuove esternazioni e imminenti novità

Il Ministro Maroni ha dichiarato che da marzo 2010 Romania e Bulgaria entreranno in area schengen.
Si parla sempre più insistentemente di un prossimo decreto flussi 2010 che dovrebbe essere pubblicato a novembre 2010

 

Immigrazione: giurisprudenza in materia di nulla osta al lavoro

Il ministero dell’Interno, per agevolare le attività degli sportelli unici per l’immigrazione presso le prefetture, ha predisposto una raccolta della Giurisprudenza in materia di nulla osta al lavoro, espulsione, allontanamento e provvedimenti in autotutela.

La raccolta è stata redatta dalla Direzione centrale per le politiche dell’immigrazione e dell’asilo del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno.

Ecco l’indice degli argomenti:

PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI IMMIGRAZIONE .
Capitolo I —- Sportello Unico per l’immigrazione . . .
Capitolo II —- Procedimento amministrativo per il rilascio di nulla osta
all’avviamento al lavoro subordinato di stranieri .
2.a)–Avvio del procedimento .
2.b)–Acquisizione e valutazione dei pareri del Questore e della
Direzione Provinciale del Lavoro .
2.c)–Disciplina normativa e regolamentare .
2.d)–Natura giuridica .
2.e)–Aspetti controversi e conseguenze giuridiche .
2.f) –Preavviso di rigetto (art.10 bis legge 241/1990) .
2.g)– Adozione e motivazione del provvedimento conclusivo
2.h)– Conseguenze in termini di annullamento del provvedimento di diniego,
di soccombenza e di pagamento delle spese legali .
2.i)– Comunicazione del provvedimento definitorio
2.l)–Termini entro i quali il procedimento deve essere definito .
Capitolo III —- Procedimento amministrativo per il rilascio di nulla osta
al ricongiungimento familiare
3.a)–Art.29 T.U. n. 286/1998
3.b)–Incidenza dello jus superveniens .
3.c)–Insufficienza dell’attestazione di coppia di fatto per ricongiungimento .
3.d)–Inidoneita’ dell’affidamento volontario –Aspetti particolari correlati al diritto
familiare straniero. – Rilevanza dell’istituto musulmano della Kafala .
Capitolo IV—- Procedimento amministrativo per l’emersione del lavoro irregolare
(D.L. 9/9/2002 n. 195, convertito in L. n. 9/10/2002, n. 222-L. n. 102/2009) –
Incidenza e rapporti derivanti da provvedimenti espulsivi –
4.a)–Procedimento per l’espulsione amministrativa (art. 13 T.U. n.286/1998) .
4.b)–Condizioni di espellibilità dei genitori di minori .
4.c)–Espulsione a seguito di diniego di rinnovo di permesso di soggiorno di soggetto
già espulso sotto altre generalità titolare di successivo nulla osta al lavoro e
inserito nel contesto sociale
4.d)–Espulsione di soggetto convivente con minore
Capitolo V—-Vizi procedimentali e rimedio dell’autotutela ( L. 241/1990 )
5.a)–Art. 21 quinques (revoca del provvedimento) .
5.b)–Art.21 septies (nullità del provvedimento) .
5.c)–Art.21 octies (annullabilità del provvedimento) .
5.d)–Art.21 nonies (annullamento d’ufficio) .
5.e)–Introduzione
5.f)–Esercizio dell’autotutela rispetto a normative dichiarate costituzionalmente illegittime .
5.g)–Rapporti tra procedimento amministrativo e processo penale, in presenza di misure
cautelari adottate dall’autorità giudiziaria
5.h)–Insufficiente motivazione dei dinieghi di nulla osta all’assunzione di lavoratori stranieri Capitolo VI—-Atti sollecitatori rispetto all’esercizio dell’autotutela-diffida stragiudiziale.
Capitolo VII—-Principali casi controversi a cui applicare il rimedio dell’autotutela
(art. 21 nonies legge 241/1990 – art.1 comma 136 legge 311/2006)
7.a) — Regolarizzazione lavoratori extracomunitari . .
7.a.1)–Insufficienza della semplice denuncia a carico dello straniero per legittimare
il diniego-sufficienza quando e’ seguita da condanna.
7.a.2)–La condanna penale patteggiata e’ causa ostativa alla regolarizzazione .
7.a.3)–E’ ostativa alla regolarizzazione la segnalazione di Schengen.
Non sussiste l’obbligo per l’Amministrazione di verificare i presupposti e la natura
dell’iscrizione, quando vi è certezza dell’identità del soggetto
7.b) — Rilascio nulla osta per lavoro subordinato .
7.b.1)–Reddito posseduto dal datore di lavoro insufficiente motivazione .
7.b.2)–Revoca del nulla osta per cessazione dell’attività accertata in epoca
successiva al rilascio
7.b.3)–Obbligo dell’amministrazione di concludere il procedimento di rilascio del
nulla osta con un provvedimento motivato nel termine di legge. Conseguenze
del silenzio inadempimento . .
Capitolo VIII—-Revoca del provvedimento di espulsione-condizioni .
8.a)–Straniero precedentemente espulso sotto false generalità, ammesso
(attraverso la procedura dei flussi programmati) all’ingresso con le
vere generalità e quindi inserito nel contesto socio-economico –
Bilanciamento degli interessi – Insufficienza dell’affidamento,
conseguente all’avvenuto successivo inserimento nell’attivita’
lavorativa regolare, ai fini della revoca
8.b)– Straniero precedentemente espulso ed emerso dal lavoro irregolare –
Richiesta di revoca dell’espulsione – Rilevanza dell’avvenuto
inserimento nel contesto sociale .
8.c)–Impugnazione del diniego di nulla osta al lavoro subordinato –
Legittimazione del solo datore di lavoro richiedente – Inammissibilità del ricorso
proposto dallo straniero proposto quale lavoratore . .
9.a)–Ricorsi gerarchici (Capo I –D.P.R.1199/1971) –Art. 1–Ricorso .
9.a.1)–Art. 2 -Termine – Presentazione .
9.a.2)–Art. 3 – Sospensione dell’esecuzione
9.a.3)–Art. 4 – Istruttoria
9.a.4)–Art.5 – Decisione .
9.a.5)–Art.6 – Silenzio
Capitolo X —- Ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
(Capo III –D.P.R.n.1199/1971)
10.a)–Art. 8 – Ricorso
10.b)–Art. 9 -Termine – Presentazione
10.c)–Art.11 – Istruttoria del ricorso- Richiesta di parere
10.d)–Art. 12 – Organo competente ad esprimere il parere sul ricorso straordinario .
10.e)–Art. 13 – Parere su ricorso straordinario
10.f)–Art.14 – Decisione del ricorso straordinario .
Capitolo XI —- Disciplina tributaria dei ricorsi gerarchici
e straordinari (D.P.R. N. 642/1972) .
11.a)–Verifica della corresponsione dell’imposta di bollo
11.b)–Estratto della normativa relativa agli obblighi dei funzionari e delle sanzioni
CONCLUSIONI

Comportamenti discriminatori degli enti locali, condannati dai tribunali

Il Tribunale di Brescia, con l’ordinanza dell’8 Aprile 2010, ha dichiarato “discriminatorio il comportamento del Comune di Montichiari (Bs) per aver imposto procedure particolari ai cittadini stranieri regolarmente soggiornanti al fine di ottenere l’iscrizione all’anagrafe”.

Lo stesso tribunale ha inoltre ordinato al Comune di cessare il comportamento discriminatorio, imponendo di limitandosi al mero controllo della dimora abituale e di iscrivere un cittadino extracomunitario al quale da oltre un anno veniva negata l’iscrizione anagrafica sulla base di richieste non previste dalla vigente normativa.

L’ordinanza è l’ultima di una serie di provvedimenti analoghi emessi nelle settimane scorse, nei confronti dei Comuni di Ospitaletto e di Brignano d’Adda.

Con l’occasione, evidenziamo che, sempre più spesso, le prassi in atto presso molti Comuni che pongono ostacoli all’iscrizione anagrafica degli stranieri regolarmente soggiornanti, sono generalmente illegittime.

Pogliani Consulting ha maturato uno specifico Know-how nella gestione delle pratiche che, a causa di ostacoli arbitrariamente posti dagli enti locali, vengono rallentate o addirittura bloccate. Per maggiori informazioni e contatti, cliccare QUI.